username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Gli anni

Stanotte chiudo gli occhi e vedo
Una strana processione superarmi—
Gli anni prima che vedessi il tuo viso
Scorrono a fianco a me con una grazia malinconica;
Passano, i sensibili timidi anni,
Come uno che si sforza di ballare, per metà cieco
di lacrime.
Gli anni andavano via e non seppero mai
Che ognuno mi portava più vicino a te;
Il loro sentiero era stretto e distante
Ed ancora mi conduceva al tuo cuore—
Oh sensibili anni timidi, oh anni solitari,
Che si sforzavano di cantare con voci annegate
nelle lacrime.

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ELISA DURANTE il 03/08/2011 21:58
    Gli anni sono nostri amici. I migliori. I nostri.
  • Laura cuoricino il 11/08/2010 19:14
    Sì, con voci annegate nelle lacrime!
    Poesia veramente profonda!
  • il 07/04/2010 20:54
  • Cinzia Gargiulo il 04/02/2010 21:23
    Poesia profonda! Bellissima!