username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La morte per acqua

Fleba il Fenicio, morto da quindici giorni,
Dimenticò il grido dei gabbiani, e il flutto profondo del mare
E il guadagno e la perdita.
Una corrente sottomarina
Gli spolpò le ossa in sussurri. Mentre affiorava e affondava
Traversò gli stadi di maturità e gioventù
Entrambi nei gorghi.

Gentile o Giudeo
O tu che giri la ruota e guardi nella direzione del vento
Pensa a Fleba, che un tempo è stato bello e ben fatto al pari tuo.

Originale:

Death

Phelbas the Phoenician, a fortnight dead,
Forgot the cry of gulls, and the deep sea swell
And the profit and loss.
A current under sea
Picked his bones in whispers. As he rose and fell
He passed the stages of his age and youth
Entering whirpool.

Gentile or Jew
O you who turn the wheel and look to windward,
Consider Phlebas, who was once handsome and tall as you.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 13/04/2010 14:03
    'fear death by water'... dal poemetto 'the waste land', 1922; l'apice poetico di t. s. eliot e della poesia inglese
  • Donato Delfin8 il 10/12/2009 17:20
    Molto bella.
  • il 07/12/2009 17:53
    Poesia... poesia...