username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

la Fede

Quella vecchietta cieca, che incontrai
la notte che me spersi in mezzo ar bosco,
me disse: - Se la strada nun la sai,
te ciaccompagno io, ché la conosco.
Se ciai la forza de venimme appresso,
de tanto in tanto te darò 'na voce,
fino là in fonno, dove c'è un cipresso,
fino là in cima, dove c'è la Croce...
Io risposi: - Sarà ... ma trovo strano
che me possa guidà chi nun ce vede... -
La cieca allora me pijò la mano
e sospirò: - Cammina! - Era fa Fede.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Orlando il 28/03/2016 16:36
    Propongo lettura e meditazione di questa poesia a tutti coloro che pensano: "la legge morale dentro di mè e il cielo stellato sopra di mè", e poi mi piacerebbe ascoltare qualche loro commento.
    Può capitare di smarrirsi nella vita al punto tale di accettare la sola unica mano, poco rassicurante, della vecchietta cieca, ma... è quello il momento propizio per acquistare la fede.
  • Margherita Lo Iacono il 30/05/2014 21:55
    se non c'è la fede non c'è granchè
  • giuseppe gianpaolo casarini il 26/02/2013 12:15
    Bella e di forte intensità.. come la Fede!