username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'incontentabbilità

Iddio pijò la fanga dar pantano,
formò un pupazzo e je soffiò sur viso.
Er pupazzo se mosse a l'improviso
e venne fòra subbito er cristiano
ch'aperse l'occhi e se trovò ner monno
com'uno che se sveja da un gran sonno.

- Quello che vedi è tuo - je disse Iddio -
e lo potrai sfruttà come te pare:
te do tutta la Terra e tutt'er Mare,
meno ch'er Celo, perché quello è mio...
- Peccato! - disse Adamo -È tanto bello...
Perché nun m'arigali puro quello?

 


2 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuseppe gianpaolo casarini il 29/08/2012 11:11
    Significativi i versi finali.. la sete ed il desiderio di tutto!
    Fine e sottile ammonimento a chi non s'accontenta...
  • Laura cuoricino il 15/08/2010 06:32
    L'essere umano non si accontenta mai, non apprezza quel che ha, è proprio meschino a volte!