username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Alla sera

Forse perche' della fatal quiete
tu sei l'immago, a me si cara vieni,
o Sera! E quando ti corteggian liete
le nubi estive e i zeffiri sereni,
e quando dal nevoso aere inquiete
tenebre e lunghe all'universo meni,
sempre scendi invocata, e le secrete
vie del mio cor soavemente tieni.
Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme
delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre guardo la tua pace, dorme
quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.

 


12 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marina il 14/07/2014 19:16
    L'immago, zefiri sereni, eil reo tempo noi non sapremmo descrivere meglio le immagini che Foesolo ci rapprsenta in questa bellissima poesia, il nostro italiano si e' via via impoverito per lasciar posto a parole spesso di origine inglese, Per non parlare del sempre maggiore uso di parole abbreviate che importiamo dai messaggini telefonici, dovremmo riappropriarci delle parole e imparare di nuovo a comporre versi.
  • il 11/04/2014 11:48
    Penso che la mia non sfiguri al confronto!

    ALLA SERA

    T'aspetto, oh sera, tacito t'aspetto
    quando il tramonto tutto il cielo oscura
    allora il vuoto e il nulla invade il petto
    sale, col buio, l'ansia e la paura.

    E lo sconforto scende giù dal tetto
    mi sento intrappolato in quattro mura,
    sudato mi rigiro dentro il letto
    ed analizzo la mia vita impura.

    A Lei vo' col pensiero dolcemente,
    immagino che sia una cara amica
    che mi venga a trovare sorridente

    e con parole tenere mi dica
    di sgombrare ogni ansia dalla mente,
    che sorte e cielo più non maledica.

    Poi tacito e sereno a lei m'affido
    in un mondo di quiete alfin confido.

    Salvatore Armando Santoro
    (Donnas 16. 4. 2013 - 9, 54)

    sonetto ritornellato
  • marzia il 27/04/2012 19:09
    analizzata oggi in classe
    la trovo semplicemente un capolavoro. triste, ma al tempo stesso profondissima, ci regala una visione rilassante, quasi di estasy
    io amo foscolo, è il mio preferito dopo petrarca!
  • mauri huis il 30/11/2011 07:44
    capolavoro triste, ma capolavoro!
  • Maurizio Cortese il 01/10/2011 19:18
    Così bella da essere riletta sempre con diletto, soprattutto per la stupefacente chiusa.
  • Michele Zuccante il 02/02/2011 18:42
    Che dire? Veramente bellissima!
  • Veronica Crispino il 28/07/2010 11:36
    Mai come in questo periodo sento che lo "spirto guerrier ch'entro mi rugge" necessiterebbe di una simile quiete...
  • Giacomo Scimonelli il 17/07/2010 21:30
    ogni volta rileggerla è un piacere... sera mentre guardo la tua pace il mio spirito guerriero riposa...
  • il 01/04/2009 15:50
    Ripeto il commento di Veronica...
    ineguagliabile pathos
  • Veronica Crispino il 27/03/2009 20:35
    La leggerei e la rileggerei... bellissima come sempre!
  • Maria Carla Boccacci il 23/02/2009 17:30
    Arriva per tutti, in questo siamo uguali; occorre accettarla...
  • il 22/02/2009 12:04
    "Prima o poi arriverà la morte per la quale il tempo, volenti o nolenti, lo dobbiamo trovare" (L. A. Seneca)