username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

In morte del fratello Giovanni

Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo
di gente in gente, me vedrai seduto
su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
il fior de' tuoi gentil anni caduto.

La Madre or sol suo dì tardo traendo
parla di me col tuo cenere muto,
ma io deluse a voi le palme tendo
e sol da lunge i miei tetti saluto.

Sento gli avversi numi, e le secrete
cure che al viver tuo furon tempesta,
e prego anch'io nel tuo porto quiete.

Questo di tanta speme oggi mi resta!
Straniere genti, almen le ossa rendete
allora al petto della madre mesta.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • giuseppe gianpaolo casarini il 10/01/2013 16:13
    Da leggere in religioso silenzio.. poi meditare sulle immagini.. sui desiderata del Poeta.. sui suoi sentimenti..

    grande Poesia.. grande Ugo..
  • mauri huis il 30/11/2011 07:52
    bellissims e potentissima nella sua disperazione!
  • Maurizio Cortese il 01/10/2011 19:16
    Dolenti versi, forse un po' datati come rappresentazione lirica.