username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La mia fanciulla

La mia fanciulla snella e polposetta
è come un arboscello con le poma:
una ne mangi ed un'altra t'alletta.

La mia piccola cara è una bambina.
Teme, se tardi rincasa, legnate,
suo castigo di quando era piccina.

E quando fa quella proibita cosa
si volge, e manda sospettose occhiate,
per veder se la mamma è là nascosa.

La mia piccola cara è troppo audace.
Mette la testa con la grande chioma
fra le mani, e mi guarda a lungo e tace.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • samuele il 28/12/2014 17:14
    *tutti
  • samuele il 28/12/2014 17:14
    salve a tuti... ovviamente con questa poesia Saba ci mostra, oltre al suo amore verso sua figlia, anche il suo essere padre... vi volevo chiedere qual è la concezione che Saba ha verso la figura della donna?
  • agave il 02/12/2011 08:57
    la tenerezza di questo uomo-poeta mi ha commosso spesso