username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sonetto 133

Maledico quel cuore che ferisce
profondamente sia me che il mio amico!

Perché non le basta il mio, ma incattivisce
nel rendere schiavo anche il mio amico?

Ma a me stesso il tuo perfido occhio hai tolto
e l’altro me stesso hai presto catturato;
da lui, da te e me sono ormai distolto:
tre volte tre frustrato e tormentato.

Cattura il mio cuore nella tua cella,
perché possa riscattare il mio amico;
sarò del suo il custode, ma di quella
non avrai potere, è questo che ti dico.

Però ci riuscirai perché io chiuso in te
sono per forza tuo, ed è tuo ciò che è in me.

 


1 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Laura cuoricino il 08/08/2010 10:44
    ... ed è tuo ciò che è in me! Bellissima!!!