username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sonetto 47

I miei occhi e il cuore son venuti a patti
ed or ciascuno all'altro il suo ben riversa:
se i miei occhi son desiosi di uno sguardo,
o il cuore innamorato si distrugge di sospiri,

gli occhi allor festeggian l'effigie del mio amore
e al fantastico banchetto invitano il mio cuore;
un'altra volta gli occhi son ospiti del cuore
che a lor partecipa il suo pensier d'amore.

Così, per la tua immagine o per il mio amore,
anche se lontano sei sempre in me presente;
perché non puoi andare oltre i miei pensieri

e sempre io son con loro ed essi son con te;
o se essi dormono, in me la tua visione
desta il cuore mio a delizia sua e degli occhi.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sari Koon il 09/09/2010 13:30
    Divina... Non ci sono parole! Sono note del cuore espresse a parole ma che si avvertono in tutta la loro splendida ed armoniosa melodia...
  • Laura cuoricino il 08/08/2010 10:42
    Sì, Giacomo, condivido con te!
    Una splendida emozione regalataci da WILLIAM!
  • Giacomo Scimonelli il 08/08/2010 06:57
    poesia che diventa musica... bellissima
  • Valentina Filippetto il 09/11/2009 20:16
    per me è la "dedica" d'amore per eccellenza..
    irripetibile.
    letta, riletta.. e non mi stancherò mai di leggerla. però non riuscirò mai a parole spiegare cosa mi fa provare..
    hai ragione emanuele, è meraviglioso e unico..
  • Emanuele Fregona il 03/11/2009 12:03
    William, sei semplicemente meraviglioso.
  • Emanuele Fregona il 03/11/2009 12:03
    William sei semplicemente meraviglioso.