username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie sull'autunno

Pagine: 1234... ultima

La partenza delle rondini

ogni anno
la seconda domenica
di settembre
mi reco a salutar
le rondini in partenza.

Al primo baglior
dell'alba
raggiungo il prato
dov'è delle mie amiche
il raduno.

A centinaia
adagiate sull'erba
una accanto all'altra
sembran monachine
intente alla preghiera.

Ogni tanto qualcuna
s'invola
e sfreccia in cielo
di qua, di là
di su, di giù
come a salutar
quei luo

[continua a leggere...]



Il cesso dell'asilo anni 40

Ricordo che negli anni 40 il gabinetto dell'asilo
era posto giù  nel prato
e lì dovevi andar anche se eri un po'ammalato.

Era fatto in economia, con graticcio e con la latta
e dei grandi e dei piccini ne ricevea la cacca.

Lì dentro tutti si accucciavan sopra un unico sostegno,
che eran due umide e poco distanziate  assi parallele,
che non so di quale legno.

Sotto quelle assicel

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: oreste vallini


Il miracolo delle castagne -leggenda-

San Rigo dopo aver duramente lavorato
fermatosi un istante a riposare
udì alcuni montanini del paese
lamentarsi per giustissime pretese.

Dicevan d'esser disgraziati
nel vivere in montagna,
più sfortunati
dei contadini al piano
i quali coltivando il grano
avevan il sostanzioso pane da mangiare.

Senza poi contare
che i mezzadri che il colle abitavano,
oltre l'olio per condire

[continua a leggere...]



Il Rumor dell'Autunno

In autunno parlano spesso,
foglie accartocciate,
dal rumore inquietante
della sua guttazione,
ti saluta, l'acqua benvenuta.
Appassiscon le margherite,
con cui amanti,
sotto l'orizzonte, spellano
dai capolini tondi,
il bianco splendente della luna
che cerca il giallo pallido del sole.
Il fango, la sua melma di malinconia,
come colla mi attira, al suo triste calore.
I rami secchi,

[continua a leggere...]



Luci e chimere

Muore rapida la carezza del sole
svanisce il torpore illusorio
stemperato dal vento,
imprigionato
da colori ingordi di luce.

Una fugace chimera mi sfiora
mi invita a rincorrerla tra nebbie di ieri.

Calpesto un tappeto di cadaveri
arancio, fuoco e oro
ridono e suonano sotto i miei saltelli di bimba
piangono e crepitano sotto i miei passi di donna.

   13 commenti     di: Federica Buzzi



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Poesie sull'autunnoQuesta sezione contiene poesie e pensieri sull'autunno, la caduta delle foglie, la stagione della vendemmia e delle castagne