PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie catartiche

Pagine: 1234... ultima

Tempi di magra

Ti incontro di nuovo
e mi sorridi sorniona,
poi, insieme per la strada,

complicità, effusioni
e continui a seguirmi,
comincio a correre!

Sento il tuo sguardo
forse ce l'ho fatta,
svolto dietro l'angolo

l'uomo della sicurezza!

Porca misera,
per un pacco di pasta
mi hanno beccato!

   1 commenti     di: Raffaele Arena


Ne valeva la pena!

E d'improvviso
da lontano
ci riconosciamo

e di corsa
mi raggiungi
in un abbraccio

e che testata!
Amore mio
anche se

al pronto soccorso
eccoti un bacio,
ne valeva la pena!

   4 commenti     di: Raffaele Arena


Non sparate sui poeti

Non sparate sui poeti
così fragili
a loro bastano due occhi
per toccare il cielo
la loro assenza
per scendere all'inferno

Non sparate sui poeti
così fragili
cantori dell'attimo
fugaci, come un vento a primavera
non chiedete soluzioni
loro
sanno solo domandare

E stupiscono, piangono a volte
ad ogni giorno nuovo
perché dimenticano, dimenticano
dimenticano
senza mai scordare n

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: ciro giordano


Lo scudiero innamorato

Li cavalieri
co li lor scudieri
a lo seguito
de lo Magno Carlo
arrancavan tutti,
ma non proprio,
uno, de nome Beppe
scudier galante
de messer...
mannaggia lo nomo
che corso via est,
dietro le sottane
de mona Gilda
attaccato s'est.



L'intepretazione di incubi

Come in mare aperto, l'onda
rimango, perduto...
dalla forza della marea...

È un incubo, lo devo interpretare?
No, tutto vero, alla fermata della stazione
in pieno centro, sul ventidue!

   0 commenti     di: Raffaele Arena



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Poesie catartiche.