accedi   |   crea nuovo account

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultima

Ciamba ciamba

Uno ballo
tutto meo
est,
sur ritmo
latino,
le mani ar celo
e poi a terra
dai,
pe' ringraziarli
che semo
e ancor saremo,
seppur picciole particelle
de sto monno greve,
ar son
de li tamburelli
e de la carcassa,
te ven
voja
lo volo spiccar
fra le nuvole
senza color.



Quer cerchio de metallo

Smucinavo 'na vecchia palandrana...
'nfonno a la saccoccia più sgarata
ce stava, conservata, n'incartata
e drentro un pezzo de' gioventù lontana

era l'anello che m'arigalò quer giorno
'n ragazzetto basso e 'n po' 'mbranato
Poi me chiese se se ce fidanzavamo...
dritto 'mpalato co quer giojello in mano

e mo' che l'avevo liberato stava lì, bono,
pareva s'aspettasse d'esse ritrov

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: patrizia chini


Io, te e la luna

Er fra Sole
stanco ormai
se mette a letto,
er celo se arrossisce
pe' n'attimo,
er tempo
de dà lo cambio
a sora Luna,
intanto io e te
dentro sta fratta
ce semo fatti
pur li fatti nostri;
e quanno la sora Luna
co' lo indice
ce addice a noi
birichini,
le risponnemo:
- A soré,
semo 'e carne e ossa,
permetteteci pure
sto ber piacere!



Angioletti de mamma

Du' gemelle
ar pianto
de la mamma
disperata
non responneno,
e le lacreme
da lo viso smunto
scenneno
a ruscelli,
fra l'indifferenza
de tanta gente;
ma qua e là,
n'omo de legge,
in bellissima uniforme nera
a strisce rosse,
la vita propria
darebbe,
pur ne le mani
de la Pietà
de oggi,
le proprie creature
consegnar
vive e sane
possa.
E penzate
che anche costui,
che de m

[continua a leggere...]



A ritroso ner tempo

Quanno ancora
l'elettricità
bene di pochi
era,
er bon nonnetto contadino
accanto ar camino
la su' ciurma parentale
univa
e storie
de tempi iti
e forse mai vissuti
co' ardor narrava.




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo