PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultima

La preghiera mea

Da Sumatra
fino a lo
Triangolo nostro caro,
la Madre Terra nostra
l' ira funesta
scatenata abe.

A lo umile
Francesco nostro
'na preghiera;
chi più
fra noi
non est
accolti
da lo Petro
siano.

Fra chi
presenti
a lo appello disperato
risponder
non abe,
che sani e salvi,
pe' mano sua
fori vengan
senza ferite
alcun.
Amen



Bussa e ti verrà aperto

Tuppe tuppe,
co' no mazzon de chiavi
n'omo barbuto
a lo uscio se presenta:
- I songu Pietro
e tu chi si?
- I songu nu pueta
appena le ali aggiu missu,
e mi presentu.
- Buonu hai fattu,
rallegraci nu pocu tutti quanti!
E così Giuseppe trasitte
e comma a casa
se sentitte.



L' Addulurata

St'uocchi tua
tantu belli,
oh Maronna mia
chiagneno e chiagneno,
lacreme e sangu;
u coru
spizzatu s'ha;
u figliu
in croce
t'hannu missu;
a colpa
nun è sulu
'e Pilatu
e de li Giudei,
ma, e sopratuttu
nuosta,
figli ingrati.
Accussì
perdonaci
tu oh Maronna nuosta
da li sietti ruluri.



Angioletti de mamma

Du' gemelle
ar pianto
de la mamma
disperata
non responneno,
e le lacreme
da lo viso smunto
scenneno
a ruscelli,
fra l'indifferenza
de tanta gente;
ma qua e là,
n'omo de legge,
in bellissima uniforme nera
a strisce rosse,
la vita propria
darebbe,
pur ne le mani
de la Pietà
de oggi,
le proprie creature
consegnar
vive e sane
possa.
E penzate
che anche costui,
che de m

[continua a leggere...]



Da Cencio

C'era sora Rosa
che ogni vorta
dava na rosa;
e c'era poi la brunetta
che ogni vorta
voleva na prugnetta;
e ar fin c'era
er sor Cencio
che se nun pagavi
te facea lencio.




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo