accedi   |   crea nuovo account

Poesie sulla disabilità

Pagine: 1234... ultima

Il sorriso

Quando mi accogli
con quel tuo sorriso intenso
perdo lo sguardo mio
negli occhi tuoi ridenti,
un caleidoscopio
di luci colorate
m'investe...
.. e sgorgan beate lacrime
per l'impotenza mia
davanti alle tue braccia rigide
che non riesco a contenere.

   3 commenti     di: silvia leuzzi


Voglio vivere

perchè non mi guardi?
perchè non mi capisci?
voglio dirti quanto ti voglio bene,
ma non posso.
cerco di fartelo capire col mio sguardo,
col mio sorriso.
non voglio che tu soffra a causa mia,
ma io voglio vivere!
guarda i miei occhi, la mia voglia di vita!



Attimi

Vorrei che fossi accettata da tutti per quello che sei,
con i tuoi pregi e i tuoi difetti, che fossi capita per
tutto quello che non riesci ad esprimere.
Vorrei che gli altri potessero vedere nei tuoi occhi
ciò che sogni davvero e che potessero realizzarlo per
farti piacere.
Vorrei che la gente ti vedesse come sei realmente,
forte e testarda, a volte fragile e pensierosa davanti
ad uno sp

[continua a leggere...]



Il mio amico

Il mio amico
mi racconta la vita
storie,
ricordi d'infanzia.

Il mio amico
disinteressato e leggero
non lesina sorrisi,
il suo viso è vero e sincero.

Il mio amico rideva di più
celava il rancore
adesso soffre e piange
lacrime di dolore.

Il mio amico, oggi,
si trascina dietro,
una sedia a rotelle
divenuta ormai compagna di vita

il mio amico parlava sempre,
anche per chi

[continua a leggere...]



Piccolo Johnny

Del piccolo Johnny
si dice un fatterello
che proprio non sia giusto di cervello.
Come risulterà a conti fatti
non era proprio lui ma altri i matti.

Frequenta una scuola
assai speciale
né libri né storia o geografia
ma creta a liberar le ali della fantasia.

Piccolo Johnny,
che giochi con la creta,
modelli oggetti, cose ed animali
se ti si chiede di modellare l’uomo
n

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: MICHELA C.



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie sui disabili e il mondo della disabilità, con i suoi problemi ma anche le sue profonde ricchezze