username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie festa del papà

Pagine: 1234... ultima

Padre e figlio

Lo povero padre
che arte
abe,
a frutto
mettendola,
con un po' de legno
uno cavalluccio
fa
e a lo su' figlio
lo dona,
questo grato,
'na bottiglietta
de veneta grappa
gli porge,
che fra 'na
zeppola e l'altra
divorando
tutta se la scola.



Addis.. babbu meu

Graniticu a fora
ma tenneru a intro,
in sos ojos sa terra tua
dae te tant'amada
dae te mai ismentigada.

Su mare parteìt (leggi paltèdi)
sos isettos tuos
sighende cussu sonnu,
isperendhe in d'unu coro
birendhe de amore.

Como as su bratzu meu, (leggi brazzu)
ti sentis seguru:
cussu pagu de vida
chi ancora ti restat
sempr'ada a esser festa.



Mio caro papà

Ceneri disperse nel vento
in un triste mattino
autunnale,

sogni svaniti accompagnano
il tuo sorriso con il calore
della tua anima.

Ora vivi nella luce
del Signore,

rivedo il tuo volto,
mentre una lacrima scende
come una piuma che si
adagia sul tuo ricordo.

La tua immagine nitida
come allora,

mi guarda dall'alto,
ma è triste come me;
io la raccolgo e l'appoggio
sul cuo

[continua a leggere...]



Addis.. mio padre

Granitico fuori
ma tenero dentro,
negli occhi la terra
da te tanto amata
da te mai scordata.

Il mare divise
le tue aspettative
seguendo quel sogno,
sperando in un cuore
stracolmo d'amore.

Hai ora il mio braccio,
ti senti sicuro:
quel poco di vita
che ancora ti resta
sarà sempre festa.



Padre mio

Ingiusta la vita è stata
anche con te come per tanti
che solcano questa terra
senza miti premi o gloria,
ma ancor meno i più
senza acqua e pane.
Negata anche la mano sul cuore
a nutrire l'anima
negati
anche i cieli azzurri.
Un pensiero ancora una volta
è per te
padre mio che sei stato,
l'istante d'un ricordo
va alla tua mano
che uno schiaffo voleva dare
l'amore grande
l'ha poi

[continua a leggere...]

0
7 commenti    0 recensioni      autore: miryam maniero


Il tavolo di casa

"Toti", chiamava
e sotto al tavolo
nascondiglio si giocava.
Il piatto bello, non sbeccato,
apparecchiavo per lui
e ridevan gli occhi miei di bambina
nel ritorno della sera,
riportava l'odore del padre mio
garelli e nebbia
cemento e sabbia.
Quando la luna era buona
sopra la schiena stanca,
un giro intorno al tavolo
con mia madre
un valzer ballava.
E ridevan gli occhi miei di bambi

[continua a leggere...]

1
6 commenti    0 recensioni      autore: miryam maniero


Urlo nel respiro che non c’è…

[continua a leggere...]



Solo per te

Vento
scompiglia anche i pensieri
uno resta indelebile.

Riassunti e temi
forse da rifare
ma la lettera
la tenevi per te,
sul cuore.
Il mio prosegue ancora
e in fondo aspetta
un giorno
di ritrovarti
in quel mondo senza fretta.



Papà

Non c'è stato neanche il tempo di dirti ciao,
te ne sei andato via in silenzio,
così,
come in silenzio avevi vissuto.
Mai una parola tra di noi,
mai un momento d'affetto condiviso.
Due vite distanti, separate ermetiche.
Eppure ti amavo.
Eppure mi amavi.
Poi . solo il rimpianto.

1
8 commenti    0 recensioni      autore: Stefano Monti


Acrostico per mio padre

Lungi dal savio tuo dettame
Ergo suppliche su la pietra
Trentunanni d'amèn cammin
Tu soltanto, m'hai presentato.
Il cor geme e tu non ritorni
Nel silente tratturo, padre,
In cui, tutto il tuo ardor, s'assenta!

Sempre docile, sempre grato,
Al rientrar ne la mente assorta,
Meco appari, e trasfondi or ora
Uggia, nel fluir d'umor sì tetro.
E la morte e l'avverso morbo
Lascian gioiti e

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Poesie festa del papàQuesta sezione contiene poesie sulla festa del papà, frasi per il proprio padre, pensieri e dediche per la festa del papà del 19 marzo, idee per biglietti di auguri da accompagnare al regalo per il papà

La festa del papà è una ricorrenza dedicata al festeggiare la paternità e i padri in generale; viene festeggiata in tutto il mondo, in Italia il 19 marzo. Viene considerata come un evento complementare alla festa della mamma - Definizione Wikipedia