PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canto alla demenza

Canto con la bocca chiusa
i denti stretti
i pugni intasca
la rabbia in vena
come eroina.
Guardo,
ascolto,
rabbrividisco,
strapperei con le mie mani
questo utero inutile
che demenza produsse.

Ti abbatti
come valanga
come lava incandescente
e subisco ancor oggi
il calabrone dell'adolescente
che indarno fuggii
tornato
con il suo carico di terrore
ha solo cambiato veste
non colore

 

6
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/08/2012 23:56
    Si percepisce rabbia e quasi disprezzo, questi versi non vogliono tagliare, vogliono sbranare.
    Bellissima poesia, mi da come una sensazione di potenza, è difficile da spiegare, è come se questa poesia agitasse il sangue nelle vene.
  • vincent corbo il 31/08/2012 18:46
    Versi caustici, strali di rabbia nei confronti di una società che volta le spalle alle arti, alla scienza, alla bellezza, alla non violenza.
  • Rocco Michele LETTINI il 31/08/2012 17:12
    IL MIO SOLO APPREZZAMENTO PER... SI' TOCCANTE E PROFONDO VERSEGGIO... CIAO SILVIA

7 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 02/09/2012 08:54
    Bellissima Silvia... canto la demenza umana... di queste vesti di terrore.. che non cambiano colore...
  • silvia leuzzi il 01/09/2012 14:53
    Grazie per l'attenzione e mi scuso se le mie poesie a volte sono crude, graffianti e cattive... mi assomigliano, sono mie creature. Il cuore è sempre molto nascosto bisogna tacitarsi per ascoltarne il battito
  • Bruno Quattrone il 31/08/2012 21:36
    Bella, complimenti sei brava
  • Anna Rossi il 31/08/2012 21:34
    bravissima!.. complimenti. lirica magistralmente composta..
  • loretta margherita citarei il 31/08/2012 19:29
    molto apprezzata complimenti silvia
  • roberto caterina il 31/08/2012 17:21
    Bella l'immagine del calabrone e la protesta che vien fuori da questi versi
  • Grazia Denaro il 31/08/2012 17:00
    Purtroppo tutti abbiamo i nostri momenti no, dove tutto senbra non andare, ma così è la vita e con santa pazienza dobbiamo cercare di prenderla come viene cercando di non mangiare fiele... che poi sarà così amaro da farci stare ancora più male. Versi apprezzati Silvia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0