PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intro

Guardarsi dentro
e scoprire di non conoscersi ancora,
vedere per la prima volta dimensioni inesplorate,
sentire parole mai pronunciate
ma che, forse, sono state sempre custodite e celate segretamente
affinchè nessuno potesse udirle.

Guardarsi dentro
e capire che non è tutto bianco o nero,
che siamo circondati da infinite sfumature
racchiuse in stalattiti di cristallo
poste sopra di noi ma che,
nella quotidianità che ci avvolge,
non riusciamo a vedere
per non aver mai imparato ad alzare lo sguardo.

Quando la vita bussa alla porta,
però,
eccole li e sono cosi tante, confuse, brillanti e caotiche
che il respiro va via per un istante
poichè non avresti mai pensato che il loro riflesso, un giorno, avrebbe potuto colpire anche te.

Sono luci sconosciute,
sai che possono far male e per questo fanno paura
ma, ugualmente, desideri perderti tra i loro bagliori
nonostante il mondo non ti abbia concesso la sua benedizione.

Un bivio, poi una scelta.
Da quelle luci si propagano altre mille nuove luci
e da esse altrettante nuove sfumature.
Come dei brindoli, esse rischiarano lentamente ciò che porti con te
ed alzano il sipario su una parte che non sapevi potesse esistere
ma che, da adesso,
sai dove trovare
nell'incredibile e difficoltoso viaggio che si percorre quando ci si guarda dentro.

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonella Intini il 07/09/2013 12:32
    Ho letto questa poesia perché mi ha attratto il suo nome "intro" e l'idea che fosse un bel componimento non è svanita, una volta aver finito di leggerlo.
    Complimenti. È dolce, ben scritta, profonda (com'è profondo il nostro "dentro".
  • Rocco Michele LETTINI il 31/08/2012 17:16
    Se ognuno di noi lo facesse... forse il mondo perderebbe il volto della vergogna...
    Molto ben corredata... IL MIO PLAUSO MARIA
  • Grazia Denaro il 31/08/2012 17:04
    È sempre un vantaggio potersi guardare dentro, se poi si riesce addirittura a scoprire una parte di noi ancora sconosciuta, si è fatta una grande conquista che credo vada a nostro vantaggio, una bella lirica con versi ben strutturati, apprezzata!

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0