PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mia madre

Una lettera alla volta,
poi una parola,
infine una frase
e poi da capo
ogni volta
crudele danza
prigioniera di un mostro
E fingere di ridere per lei
per lei che è un gioco
piccola, odiosa barbie
Ma io no
io so che fa male
lo so
Vorrei la tua forza
il tuo ottimismo
la tua pazienza
ma più di tutto vorrei un fucile
per stroncare il tuo tiranno

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/09/2012 05:44
    Quanto amore sprigiona... cotanto verseggio... per la mamma poi...
    LA MIA LODE VALE... SERENA GIORNATA

2 commenti:

  • vale il 01/09/2012 23:38
    Questa poesia è un ringraziamento per mia madre... era l'unica ad avere il diritto di mollare e l'unica, nonostante fosse lei quella malata, a non averlo fatto
  • Ugo Mastrogiovanni il 01/09/2012 15:17
    Non so cosa o chi sia quel tiranno, ma so che la poesia è molto dolce e vera e merita un plauso e un sincero augurio per te e per la mamma.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0