PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

El despertar de mi Pueblo

En el charco de la húmeda vereda
se contemplaba la blanca plateada luna

Un cachorro ladrando
jugueteaba pisoteando el charco

Desde el callejón
en un instante una a una
las estrellas se contaban

El alba está llegando
el claror va cubriendo las estrellas
por todo el callejón
la luna del charco desapareciendo vá

El pueblo soñolento
comienza a despertar

De par en par los bares abren las puertas
el cachorro perplejo se contiene
arrimándose se entrega
a la merced del barista

el callejón
de madrugadores se colmó

El pueblo lucía esplendido
sus casas en pierda
con sus callejones medievales

En la Plaza el aroma del café
invitaba al pasar
y hasta el más anciano
entraba en el bar


El Monumento a los caidos
de Valientes Italianos
en cada amanecer reluce
dando orgullo y buena vida


Mi pueblo en un instante
entre murmullo y alboroto despertó

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/05/2014 13:19
    Una bella descrizione di un vecchio borgo medioevale dove la giornata sta salendo e sembra quasi ascoltare le voci della gente ed i latrare dei cani.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/09/2012 05:55
    Però una traduzione potevi lasciarla, anche in un italiano poco corretto o... almeno una piccola indicazione...
    Ti lascio il mio apprezzamento... CIAO CELESTE... SERENA GIORNATA

3 commenti:

  • Nibia Celeste Curbelo il 23/04/2016 14:31
    Buon girno, grazie a tutti, la traduzione è qui sotto. Buona giornata a tutti quanti
  • augusta il 01/09/2012 11:38
    mi piace il risveglio del paese... scritto meravigliosamente
  • Nibia Celeste Curbelo il 01/09/2012 11:00
    Risveglio del mio paese
     
    Nella pozza dell'umida viuzza
    si specchiava la bianca argentea luna.
     
    Un cucciolo latrando
    giocava calpestando la pozza.
     
    Dal vicolo
    in un istante ad una ad una
    le stelle si potevano contar.
     
    E quando arriva l'alba
    il chiarore va a coprire le stelle
    per tutto il vicolo,
    la luna dalla pozza scomparendo va.
     
    Il paese addormentato
    si comincia a risvegliar.
     
    Spalancate i bar aprono le porte,
    il cucciolo perplesso si trattiene,
    poi accostando si consegna
    del barista alla mercé.
     
    Il vicolo
    si colmò di mattinieri.
     
    Il paese riluceva splendido
    nelle case sue di pietra,
    nei suoi vichi medievali.
     
    Nella piazza, l'aroma del caffè
    invitava i passanti
    e persino il più anziano
    entrava dentro al bar.
     
    Il monumento ai caduti
    d'Italiani valorosi
    in ogni alba riluce
    dando orgoglio e buona vita.
     
    In un istante il mio paese
    tra mormorio e chiasso si svegliò.
    Traduzione di A. Cirillo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0