accedi   |   crea nuovo account

Alla fine del giorno

l'ho seguita...
come sempre alla fine del giorno
quando arriva col viso da bambina
e mi dice
-vieni con me a raccogliere un sogno?-
si...
in cima a monti che non ho mai scalato
su prati che non ho mai visto
su cieli che non ho mai toccato
e poi precipitare dentro braccia
che non ho mai conosciuto
ci capiamo al volo quando mi fa salire
dentro la fantasia
nel tunnel della trasgressione
io sono lei e lei è mia
dammi la mano ti seguo ad occhi chiusi
a piedi scalzi col cuore che ogni volta
torna a cercare emozioni nuove
quelle che vorrei provare
quelle che ho perso lungo la strada
mi volto a raccogliere sabbia
tra le dita e scavare scavare
come sempre la vedo andare
ed ogni volta una promessa
notte
io resto qui ad aspettare...

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 01/09/2012 19:10
    Un senso di delicata leggerezza dell'eros mi avviluppa dentro le tue parole. La notte come magica compagna dei nostri più riposti segreti
  • Antonio Garganese il 01/09/2012 10:56
    La personificazione della notte come entità che possa guidarci a riprendere ciò che abbiamo smarrito nel corso del giorno. Molto bella.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/09/2012 09:08
    Un sognare in amore... lodevolmente corredato...
    UNICA LAURA... IL MIO ELOGIO

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0