accedi   |   crea nuovo account

Falsa bone china

Quel cielo grigio era una conchiglia
vestiva d'una giacca in porcellana
al luccichio di luce fu scintilla
la dama al valzer ruppe una collana.

Son noccioli di terra rossa e sale
cascati in un imbuto di parole
maiolica invecchiata senza colore
pesanti ossa di polvere vegetale.

 

3
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/09/2012 16:03
    Due bellissime quartine. Complimenti vivissimi!
  • Anonimo il 02/09/2012 15:08
    ottima! Dà proprio il senso del tempo che si sgretola... e di un mondo antiquato... bella, molto cromatica!
  • Antonio Garganese il 02/09/2012 14:44
    Mi sembra una rappresentazione di un evento tragico tipo "pioggia rosso acciaio", una reazione della natura al parlare inutile degli uomini. Scusami se ho sbagliato, io l'ho vista così, non è proprio facile. Ciao.

4 commenti:

  • Anonimo il 04/09/2012 14:25
    falsità, ipocrisia... credo una metafora un bell'oggetto scambiato per bone china porcellana raffinata e resistente, che si sgretola al primo raggio di luce e mette in risalto la sua vera natura... perdonami sorè per questa interpretazione TVB sempre forte
  • Don Pompeo Mongiello il 04/09/2012 09:27
    Molto piaciuta e apprezzata questa tua eccezionale davvero!
  • Anonimo il 02/09/2012 17:39
    Molto plastica, come le altre tue poesia del resto L'ultimo verso è davvero ben bello, forte!
  • loretta margherita citarei il 02/09/2012 15:17
    molto originale sempre al top teresa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0