accedi   |   crea nuovo account

Al Cardinal Martini

Quel Cardinale,
lo sentivo serio.
Parlo di Martini

un uomo vero.
Mi unisco nel ricordo,
di chi gli voleva bene:

anche se uomo di potere
è sempre stato uomo di fede
per gli uomini, per la libertà.

Non fraintendete,
ce l'ho con il prete
ma l'Uomo di chiesa

che compie azione di compassione
merita un plauso e un sorriso
rivolto al cielo, verso di lui.

Addio Monsignore, i migliori se ne vanno
rimangono stranieri padroni,
che ancora tra loro, se le danno.

 

5
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 04/09/2012 05:02
    Un bel ricordo questo tuo a cui mi associo pienamente. Anche io ho scritto un ricordo, che ora vado a postare, abbastanza diverso dal tuo, ma che, come il tuo evidenzia la serietà e il sorriso del cardinale.

6 commenti:

  • Anna Raccardi il 07/09/2012 13:00
    Raffaele anch'io mi unisco nel ricordarlo il Cardinal MARTINI, poesia molto bella complimenti
  • loretta margherita citarei il 04/09/2012 15:40
    doveroso omaggio, apprezzatissima raf
  • Anonimo il 04/09/2012 14:11
    mi asscocio a questo ricordo ed a questa bella e meritata dedica... Carlo Maria Martini grande studioso delle scritture grande uomo... delicato ed amorevole...
    bravo Raf per averlo ricordato...
  • laura marchetti il 04/09/2012 13:38
    bello e doveroso il tuo saluto poetico... un saluto anche da parte mia e grazie per la tua poesia... anche per me... ciao Raf!
  • giuseppe il 04/09/2012 02:07
    Perdonami volevo scrivere freddo, a dir dai fedeli fu un uomo di somma bontà, caritatevole, luce d'umiltà.
    Noi campani lo abbiamo a Napoli, con il Cardinale Crescenzio Sepe, la morte, freddo vento, il lum consuma, di chi della bontà si veste il manto, travolge, negli affanni compassione, veste di lode, vipere e leoni. Un saluto
  • giuseppe il 04/09/2012 02:01
    Se: l'uomo di bontà, vivrebbe eterno, nel bel giardin, regnerebbe l'armonia, ma come un fior, appassisce nell'inverno, rimane il feddro, muore l'armonia.
    Ma nel ricordo, l'affetto, sia la scia, che rende lode, all'uom di lode pia.
    Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0