PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I cicalucculi

Nu pocu e farina
cu salu e acqua,
se funne 'sieme
e a fusi se fannu,
se taglianu a pizzittielli
e cu ruje rita
s'encavano
e li cicalucculi
a stu munno songu;
u riestu
è commu ogni pasta,
si fa lu sugu,
doppu abbullito
e cotta issa,
se fa spusà
e pruvate la delizia.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 04/09/2012 21:01
    Altro esempio di specialità della cucina italiana, la migliore in tutto il mondo senza tema di smentite.
  • Rocco Michele LETTINI il 04/09/2012 19:28
    Si chiamano "i capont" nella mia Genzano... e sono i prelibati primi d'ogni stagione... L'emigrante ritorna per rigustarli già dalla prima sera... è l'antico squisito... COME PRIMA DON...

3 commenti:

  • laura il 04/09/2012 22:15
    ottima descrizione della buona cucina! solo a leggere immagino il profumo! bella e buona
  • Grazia Denaro il 04/09/2012 21:17
    Mi viene l'acqualina in bocca, non son capace farli, il sugo sì. Comunque la nostra cucina è la migliore del mondo Don, complimenti!
  • Anonimo il 04/09/2012 20:28
    buoni... si sente già il profumo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0