accedi   |   crea nuovo account

Piacere... clandestino!

Ma se delle pene... ho dette pene al plurale!
Si può parlare... scusate perché del piacere
dovrebbe essere un male?
Pensando a lui che deve sempre nascondersi
e fuggire dove?
Boh... sotto il letto in un cassetto
dietro un pc dentro un manichino
Ho pensato di chiamarlo
piacere clandestino
Ma per piacere non sorridete
o benpensanti ed ammettetelo anche voi
Fatevi avanti! O dietro... a seconda di come preferite
... gente forza salite!
Ad alto tasso alcolico...
un po di spirito ci sta bene e di erotismo pure
Serve ad allungare la vita
Soli si... perchè no... amarsi è forse un peccato?
O forse meglio in due o anche in più
Non penso sia un reato
Quando mi passi il dito tra le labbra
e assaggi il mio sapore
Un connubio di mani di sguardi e di gambe
fremito che va dalla testa al cuore
Lasciarsi andare nel gioco del peccato...
peccato non farlo... amare si lasciarsi andare
Scoprire quello che non si può dire
tu che mi scopri il seno e i fianchi
Fino al punto più proibito
io che mentre scendi sono già persa
dentro quel lago
Dove insieme annegare e poi
tra le tue braccia morire e poi ricominciare
... ma ditemi di fronte ad un delitto...
che cos'è il peccato?
Se il vero peccato è non amare?...
Scappa amore
prima che la ragione si accorga...
ti potrebbe condannare

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 06/09/2012 18:37
    "non ti do' ragione, ma hai ragione!!!" ti guardo ma giro gli occhi da un'altra parte, non faccio l'amore ma... mi masturbo, è più cattolico, lo faccio di nascosto così è meno peccato, fare l'amore mi piace, mi fa impazzire ma non lo posso dire... e cosi via dicendo. L'amore è emozione forte ed anche un sacco di altre cose belle ma è per le persone serie, per quelle che lo guardano negli occhi, per quelli che a settantanni hanno ancora voglia di giocare.. si! perchè amare e fare l'amore compreso di erotismo ed altro ancora è anche un gioco bellissimo sta alla persona seria mantenerlo sempre nei limiti del possibile della dolcezza della sessualità (ad ogni età la sua sessualità, guai a far finta di essere sempre ventenni arrapati). Una bella poesia, una poesia di sesso giocato sulla parola e sull'equivoco ma se lasciato libero può rendere le persone più umane.
    mi piace
  • ernesto musiari il 06/09/2012 10:19
    direi perfetta analisi di momenti che vissuti con il giusto spirito, regalano emozioni, amore e autostima. Il bigottismo e' morto anzi per me non e' mai nato. brava, ciao
  • Antonio Garganese il 06/09/2012 09:00
    Del piacere non si può parlare per colpa di un bigotto giudizio benpensante che lo condanna sia se è troppo e sia se è troppo poco e allora l'unica soluzione è nasconderlo nel privato e non dirne mai alimentandone l'incanto. Pure dei delitti si può parlare, se sono tanti, santificano. Brava.

3 commenti:

  • augusto villa il 07/09/2012 17:00
    Condivido il contenuto... ma avresti potuto cercare di farla più corta... Avresti dato più intensità... Comunque va bene anche così... Eppoi io le faccio corte... ma non è detto che il mio gusto... il mio modo di scrivere... sia quello giusto... Ciao!!!
    ---------
  • roberto caterina il 06/09/2012 09:29
    prima che la ragione si accorga.. sì è così la consapevolezza spesso fa fuggire l'amore e il suo incanto..
  • Anonimo il 06/09/2012 09:05
    ok, non ti do' ragione, ma hai ragione!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0