PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio Dio

Odino
è il mio Dio
mitico guerrier
d'antiche virtù.
Temprato
dalla sete d'astuzia
pose:
nella tenacia l'agire
con la spada
ebbe
ricchezze
nutrendosi
al sabbhat
d'ardore alla luna
nel ventre fecondo
di mille
fanciulle in fiore
portò
il suo popolo
a brindare
alla fonte
del dotto intelletto

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • giuseppe il 14/09/2012 05:23
    Se cerchi LIBER MENTE, lo trovi in www. scrivere. info. Se cerchi semplicemente Giuseppe, lo trovi quì. Se cerchi la poesia: guarda i monti, osserva il mare, fra i borghi, in ogni viale, vibra un pizzico di poesia, basta che psiche tua, ne colga l'armonia, ne lodi malinconia. È celata nei baci d'amore, pulsa come il sangue: in ogni cuore
  • giuseppe il 14/09/2012 05:23
    Se cerchi LIBER MENTE, lo trovi in www. scrivere. info. Se cerchi semplicemente Giuseppe, lo trovi quì. Se cerchi la poesia: guarda i monti, osserva il mare, fra i borghi, in ogni viale, vibra un pizzico di poesia, basta che psiche tua, ne colga l'armonia, ne lodi malinconia. È celata nei baci d'amore, pulsa come il sangue: in ogni cuore
  • giuseppe il 07/09/2012 03:59
    Sgorgò:
    il sangue ai solchi
    dell'aschia
    il maneggiar
    sapiente il ferro.
    Temprò
    Wotan
    il coraggio
    nei suoi figli.
    virtù
    alla terra
    cultura ai figli
    dove parlò
    scandinavo il regno
    ancora oggi
    si è fieri
    figli del mondo
    rispettando natura.
    GRAZIE DEI BELLISSIMI COMMENTI
  • Grazia Denaro il 06/09/2012 20:17
    Ode ad Odino dio dei finnici, molto bella complimenti!
  • loretta margherita citarei il 06/09/2012 18:52
    piaciuta molto complimenti
  • giuseppe il 06/09/2012 18:24
    Fra:
    i freddi fiordi
    timido il sole
    regnò
    Odino
    il sommo
    Dio di glorie
    che ebbe:
    l'umiltà per figlia
    la gloria per compagna
    l'astuzia per virtù
    donando
    ai suoi figli la forza
    per assoggettare popoli
    la luna
    per pregare
    al banchetto d'ardore.
    la birra
    per cullare il sonno
    avvicinandosi al divino.
    L'intelletto
    per rendere
    virtù al mondo
    di un giardino d'incanto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0