PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio potere

Sono qui ma non come il presente ovvio
Le mie vene esplodono sangue
In ogni direzione colorando il tempo
Non esiste questo mondo perfetto e predetto
La mia energia cancella il sapere schiavo
Io sono figlio e padre amante e violento
Io sono verità che stringe la vita nella morte
Io sono grande e mi accorgo di niente
Non esiste nulla al di fuori di me
Nel mio respiro svanisse il tuo cuore
Io tocco e tu diventi la pietra fredda.
Io cambio e il resto rimane immutato

 

4
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Centrone Stefano il 14/09/2012 10:31
    Molto bella questa tua poesia.
    Dice chiaramente, secondo me, la debolezza che può avere anche un uomo potente. E questo è vero in tutti i sensi.
    Le regole della vita non si cambiano, ma soprattutto, non si riescono a cambiare.

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 08/09/2012 19:29
    molto profonda e bella, apprezzatissima
  • franco picini il 08/09/2012 11:14
    Elogio al potere della vita, quando questa prende l'aspetto di una volontà, di un volto, di una persona e come tutte le vite che hanno una volontà in essa convivono gli opposti (vita e morte, amore e violenza). Il potere è il potere della nostra mente e del nostro cuore che può creare o distruggere. Tinte forti ma coinvolgenti.
  • Ellebi il 08/09/2012 10:11
    Hai tratteggiato una specie di divinità mitologica, con molta intensità. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0