PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'importante è no Signora Frau

Porto penne e pane
nel mio zaino
vuoto di penne
e lapis e carta
e in silenzio scrivo
e sento persone
parlare tra loro.

E scrivere senza
un foglio, vuole dire
registrare vivamente
cosa mi circonda
e diventa parola
anche questo rumore
dierto il bancone.

Ero alle giubbe rosse
tempo fa, nome strano
per un locale si diceva di neri,
ma ora mai siamo al rosa porno
e la testa è andata.

Certo quanta forza
in questo meraviglioso locale
ci sono passati Montale
e tanti altri, lo vedi
dai vecchi articoli di giornale.

E poi c'e' sempre una nuova mostra,
questo è un locale di storia
finirà anche lui comprato da americani
o camorristi? Spero proprio di no
non lo vedrò, o si, chissà.

È ancora luogo di ritrovo
per parlare e dire
ascoltare l'artista nel suo quadro
sorseggiando qualcosa, per cortesia,
da soli mai, anche soli in compagnia.

Di bella e strani ceffi, come me
e poi volti, riviste, giornali,
questo vino era buono, sapeva della sua terra.
E poi senza rock e musica
come i luoghi culto-disco.

Che con il sottofondo così alto,
in quei locali, accidenti,
per ascoltarlo chi parla
ti deve vociare,
spesso la birra la vai a orinare

(scusate rima da ex bevitore).
E se qualcuno ti ama
come ti amo io, e ti vuol parlare
se c'e' luna piena,
deve ululare. Ululì o ululà?

L'importante no signora Frauuu.
Hihihihihihihihihihihihhiihihihihi!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 09/09/2012 00:19
    Ricorda la poetica futurista con l'onomatopea.. e bravo Raffaele

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0