username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Capodanno all’improvviso

Tutto cambia in un attimo,
lo so, ma non lo imparo.
Ed ecco, oltre il lavoro quotidiano,
dopo il sereno Natale,
l’onda all’improvviso
mi getta contro Capodanno,
e mi ritrovo in bilico
sul mondo che festeggia.
È un soffio, mi consolo,
fine e inizio si tengono per mano.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • sara rota il 27/07/2007 14:18
    Mi piace immaginare l'anno vecchio personificato con un vecchietto dalla barba lunga... e dona con gioia la mano ad un baldanzoso giovane nuovo anno. Non so perchè ma li vedo festeggiare e ridere contenti: l'anno vecchio, perchè è finalmente "libero" di godersi la vita e quello nuovo perchè non sa ancora cosa lo aspetti... Molto graziosa.
  • marco moresco il 23/07/2007 18:10
    ciao Alberto, le festività in realtà non sono le vere protagoniste, la riflessione sulla vita che cambia in un attimo e sulla necessità di sperare è stata determinata dallo tzunami del 2004
  • alberto accorsi il 22/07/2007 15:13
    Saggia, arguta... ma perchè il Natale sfugge all'imprevisto?
  • Nunzia D'Andrea il 13/07/2007 13:37
    tutto cambia in un attimo è la costante che dovremmo sempre tenere presente nella vita. Molto bella
  • Antonella De Marco il 11/07/2007 15:35
    Il capodanno visto da una prospettiva inconsueta: un crinale su cui "fine e inizio si tengono per mano". Mi piace. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0