username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tre

E dire che questo colore
non mi è mai piaciuto granché;
assomiglia troppo
al colore delle fave
quando stanno per andare in malora.

Forse é l'abitudine
lo scopo di questa guerra,
non mi piace parlare
di lebbra e assuefazione.
L'occhio buono individua
i peggiori dettagli.

Il tecnico della lavatrice
è arrivato, finalmente.
Tutto ansioso,
forse s'è accorto
che sono le due del pomeriggio.
Avrà la pancia vuota.
Come un topo che fugge da tre giorni.

Non c'è niente di poetico
in una guarnizione.
Ma costa comunque trentacinque euro.
Non c'è sconto,
la crisi è crisi.

Provo a giocare a dadi
con l'ironia.
Anche se so
che ho già perso in partenza,
mi metto d'impegno
e soffio sulle dita.
Un bel tre.
Il mio numero preferito.

Il tempo residuo
lo sprecherò ad inventare
un sapore che mi sappia soddisfare
veramente.
Si fa per dire.
Mi hanno sempre fatto ridere
i dirigenti di banca.
Più la cravatta che la giacca,
a dire la verità.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 11/09/2012 13:17
    L'occhio buono individua
    i peggiori dettagli... ma non essendo un incravattato banchiere non li tiene in conto...

    Molto bella Salvatore... il tempo residuo lo sprecherò ad inventare..

3 commenti:

  • Vincenzo Hypomone il 03/02/2013 01:28
    a me è costata quaranta ad occhio e croce mi inventerò qualcosa per superare questa crisi.. basterà la cravatta di un banchiere..
    ciao
  • Anonimo il 14/09/2012 09:09
    ha ragione Loretta porta a riflessione bene salvatore...
  • loretta margherita citarei il 11/09/2012 18:50
    sempre poesie che fanno riflettere bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0