username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Essenze di raggi sfuggenti

Tu
mi sei mancata quando ambulante di sogni incompiuti
Ti conoscevo
solo come una giovane Idea guidata dal caos dei miei ruggenti affetti in un labirinto di

tumultuosi pensieri

specchi

di tumultuosi pensieri

mossi dalla mia mente malata in immagini di sovrumane danze da cui non potevo uscire senza l'impetuoso caso di una sirena d'ambulanza

mi manchi
ancor oggi

nel tempo presente
paralizzato
dal Tuo irraggiungibile irraggiarti nell'infinito sentore del mio cuore

domani
Amore
mi mancherai

ancor di più
in un muto plusvalore

di follia pulsante
bussante
alle porte della mia anima

in un dono d'immutabile purezza

lasciando
uno spazio vuoto

a sembianza d'eterno

dove là le miei mani si perdono senza perdono nelle oscurità più profonde in assenza delle Tue

di un Te
e
di un me

separato

da un ciò che è sfuggente a quello che è

12

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/09/2012 06:44
    In una velata malinconia... la rendono (poesia) piacente nei suoi colori naturali di un ricamato corredo di sentimenti...
    IL MIO
    VINCE'

5 commenti:

  • Grazia Denaro il 12/09/2012 10:26
    Una bella lirica dal verseggio trascendentale che attrae il lettore. Apprezzata!
  • Anonimo il 12/09/2012 10:15
    Poesia unica nel verseggio... un ricamo d'amore... la totalità dei sentimenti...

    Meravigliosa Vincenzo...
  • laura marchetti il 12/09/2012 09:05
    tu libri voli atterri ti alzi danzi stupisci... in amor di verso ami e tutto è l'universo... verseggiar prezioso ed unico
  • karen tognini il 12/09/2012 07:16
  • loretta margherita citarei il 12/09/2012 06:58
    un plauso, poesia che cattura e rapisce

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0