accedi   |   crea nuovo account

E la chiaman libertà!

Bellezza vacua,
linea impeccabile,
dalle forme aggraziate
e sinuose,
movenze perfette,
scarpette graziose,
gradevolmente abbigliata
da moderna fata.
Sorriso ammiccante,
voce suadente,
ma nel suo sguardo
ci trovi... il niente.

Per nulla virtuosa,
percorrer non vuol
strada tortuosa
e tutta carina,
fa "l'olgettina"
che impenitente,
le insane voglie soddisfa
del di turno potente,
per poi gongolar
tutta felice e sorridente
come fosse successo niente,
senza capir
che se stessa ha devastato
e l'immagine di tutte
ha calpestato.

Ma su tutte,
l'immagine di chi
nel tempo andato,
ha duramente lottato
per conquistar pari dignità
al cospetto dell'intera umanità.

Ma oggi,
questa licenziosità,
talvolta persino incoraggiata,
da molti
libertà viene chiamata!

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/09/2012 16:02
    L'hai sottolineato mirabilmnente ne la chiusa...
    Concordo Stel... CIAO

2 commenti:

  • augusto villa il 19/09/2012 22:04
    Davvero bella, tristemente vera ma grazie alle rime sei riuscita a parlare di un pesantissimo problema... senza appesantire il lettore... Davvero ben scritta! --
  • Anonimo il 13/09/2012 08:17
    bellissima ... sono state fattte dure lotte per poter dare alla donna la giusta immagine... madre, lavoratrice, donna di casa... sono conte Stel, ma non credo che per colpa di alcune ne vada di mezzo la dignità di molte donne che hanno portato avanti temi importanti, che si son fatte valere con onesta e duro lavoro... comunque molto bella questa denuncia a questo tipo di povere creature che non hanno capito che non è libertà... ma schiavitù...
    ps esiste anche l'uomo oggetto e sta prendendo molto piede...
    complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0