PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ventuno settembre

E adesso?
Chi glielo spiegherà
Intanto il mare urla aggrappandosi alla scogliera
ha riversato tutti i suoi ricordi sulla riva
Lei se n'è andata
Si è ripresa il sole ed un cielo di mille speranze
Si è trasferita altrove
Il vento che muove pensieri
Solleva paure
Un cielo si specchia in una pozzanghera che trema
vento che non vuole catene
Che piega la schiena agli alberi
Che ulula alla fine
Ad una calma apparente di giornate spente
Di luci da accendere presto perché non si vede
Le rondini le ha riprese il mare
Ed i gabbiani sono tornati a riva
La testa sotto l'ala hanno paura di quel lamento
Lento lento
Si appressa il giorno a terminare
Ad una storia ormai finita a cui non si vuole rassegnare
Si lei è partita
Torneranno a scrivere i poeti di un altro autunno
che dipinge quadri
Che stende tappeti
Di solitaria malinconia di una panchina di un'altalena
Al vento vuota che trema
Di nostalgia

 

7
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 14/09/2012 20:38
    Opera che merita attenzione ma quanta malinconia, troppa. Le stagioni le facciamo noi, non ti angustiare. Ciao.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 14/09/2012 11:06
    Lirica di grande intensità e dal forte afflato poetico per immagini, potere evocativo, sentimenti, riflessioni.
    Decisamente bella la poesia, decisamente brava la Poetessa!
  • Rocco Michele LETTINI il 14/09/2012 08:05
    Un'estate ci saluta... la poesia che resta solo nostalgia...
    donandoci per seguito freschetto e pioggerelline...
    Però... adorabile Laura l'autunno varca la sua soglia il 23 Settembre...
    SCUSAMI... COL MIO PLAUSO DI ELOGIO PER COTANTO LODEVOLE VERSICOLATO... CIAO

5 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 14/09/2012 10:46
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua eccezionale davvero!
  • Anonimo il 14/09/2012 08:47
    una poesia triste, vera, incisiva.
    molto gradita!
    un saluto,
    Lambert.
  • roberto caterina il 14/09/2012 08:31
    Quanto mare, quanta melanconia, ma per una cosa che va un'altra ne viene... L'equinozio di autunno è il giorno di San Matteo, il patrono della mia città. Ricordi piacevoli.. Ciao..
  • Grazia Denaro il 14/09/2012 08:07
    Purtroppo le stagioni si evolvono ed ognuna di esse ha le sue attrattive, il bello è che tornerà nuovamente, versi apprezzati!
  • Maurizio Spreghini il 14/09/2012 07:59
    molto incisiva e profonda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0