username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Speranze perse

No...!
Le speranze non si perdono.
Si perde invece la voglia di vivere.
La voglia d'amare.
La voglia d'esser noi stessi,
se pur nel nostro piccolo.

No...!
Le speranze non si perdono.
A volte crediamo di conoscere noi stessi,
ma in realtà, conosciamo solamente la nostra ombra.
Amica fedele di sempre.

Non sappiam nulla di noi.
Tranne che viviamo per uno scopo.
Uno scopo comandato dal cielo.
E tale scopo, spesso, lo trasgrediamo.
Come se, fosse una regola
ben precisa: quella di perdere ogni speranza.

No...!
Le speranze non si perdono.
Poiché esse non muoiono mai.
Bisogna cercarle; son ben nascoste.
Nascoste in qualche angolo di questo mondo,
che ci fa spesso da padre e da madre.

In questo noi, non siam capaci.
Di cercar costantemente le speranze,
non siam capaci.
Siam capaci invece,
di disobbedire alla realtà,
alla vita, al giusto, alla coerenza.

A tutto ciò che è positivo.
Per noi il positivo è spesso negativo.
E quindi, immancabilmente,
ci ritroviamo come naufraghi.
Poveri naufraghi.
Senza una meta.
Se non quella di morir senza una speranza.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2012 11:28
    Molto condivisa... la faccio mia.
  • Centrone Stefano il 14/09/2012 21:29
    Grazie a voi Loretta e Grazia per il commento.
    Molto interessate, come sempre, alle mie pubblicazioni.
    Vi chiedo scusa se non riesco a leggere come fate voi le vostre poesie.
    Buona scrittura e in bocca al lupo per tutto.
    CIAOOOOO!!!!!
  • loretta margherita citarei il 14/09/2012 16:49
    profonda riflessione ottimo testo ciao stefy
  • Grazia Denaro il 14/09/2012 10:45
    Le speranze devono essere sempre le ultime a morire, e poi essere positivi ci aiuta a vivere meglio ed ad affrontare con più determinazione le avversità della vita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0