PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Confine labile

Faceva caldo, avesti un mancamento
perdesti i sensi, crollasti in un momento.
Io ti ero accanto, abbracciandoti ti ho spinto
evitandoti l'impatto col recinto.
Ragazzo mio tu l'hai scampata bella
cadendomi fortuitamente sulla spalla.
Esiste un confine labile
fra la tragedia ed un evento futile
e da un fatto che poteva esser sconvolgente
per fortuna non è successo niente.
Portiere, continuerai a parare
se sono lì con te, non ti accadrà alcun male.

 

4
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marina Duccillo il 08/10/2012 04:11
    un episodio, un momento di vita che si trasforma in poesia; volontà di fissare nel tempo ma anche di condividere col resto dell'umanità un gesto importante e concetti che sono importanti ancora di più: il confine labile, la precarietà dell'esistenza, la vigilanza, l'attenzione all'altro. Contenuti racchiusi in rime meravigliosamente attraenti.
  • Raffaele Arena il 16/09/2012 19:51
    Un primo commento superficiale mi fa dire: fossero tutti così i sostenitori di una squadra!. Probabilmente si tratta di un atto di volontariato dell'autore stesso, ma può esser interpretato come una metafora universale, sull'importanza di tener gli occhi aperti, per se stessi e chi ci è vicino, per dargli un aiuto. Mi apre una ferita grossa come una casa. È una bella poesia.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/09/2012 10:46
    Molto musicale e ben rimata. Complimenti vivissimi!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/09/2012 07:16
    Un amico in più da custodire gelosamente... ho evinto tutta la bontà che può nascere quando a plasmare c'è un cuore...
    IL MIO
    ANTONIO

8 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 18/09/2012 15:24
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua bellissima!
  • laura marchetti il 17/09/2012 07:06
    nulla è lasciato al caso ma spesso lui ci previene... forse un caso anche trovarsi lì...
  • Teresa Tripodi il 16/09/2012 22:21
    capita di trovarsi al posto giusto al momento giusto... ma era quello il tuo posto... ed ecco che il peggio si trasforma in poco...
  • loretta margherita citarei il 15/09/2012 19:37
    bella e molto complimenti
  • rosanna gazzaniga il 15/09/2012 17:24
    Labili confini... una intensa metafora, molto bella! complimenti!
  • Simone il 15/09/2012 15:26
    molto bella complimenti.
  • Grazia Denaro il 15/09/2012 08:26
    Una bella lirica evocativa, scritta con versi scorrevoli, apprezzata per contenuto e forma, ben strutturata.
  • Anonimo il 15/09/2012 07:39
    Fino agli ultimi due versi sembra un evento accaduto dove la fortuna ha fatto il suo dovere ma gli ultimi due versi per me fanno riferimento ad un Angelo Custode. Bella Antonio, ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0