PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Facebook

Parole a grappoli come fogli di carta al vento
si infrangono su pareti di pietra lavica
grigia scura come il cielo di novembre.

Sussurri di anime inquiete cercano riparo
negli interstizi affollati di cuori solitari
resi opachi da intense solitudini.

Tazzine di caffè e sorrisi angelici di bimbi
illuminano come d'incanto giornate
tutte uguali tra noia e disincanto.

Foto di vacanze su spiagge assolate
riempiono pagine di vita palpitante
che presto svanisce come neve al sole.

Luoghi ameni invogliano alla fuga,
canzoni su canzoni in un delirio di note ininterrotte
seppelliscono la voglia di ascoltare.

Giochini senza senso invadono
menti infantili ansiose di rifugi
in mondi di fiabe e oniriche realtà.

Rabbie represse esplodono con forza
come tappi di bottiglie di spumante
e la bile fuoriesce come schiuma fermentata.

Subentra all'improvviso un dubbio prepotente:
nell'incessante, vorticosa overdose di immagini e parole
abbiamo perso il filo della nostra identità,

e vaghiamo come naufraghi in cerca di un approdo
per dare un luogo certo ai nostri luoghi
e un tempo scandito ai nostri tempi,

dimenticando che il tempo fugge via senza scampo
lasciandoci dentro l'illusione di esser sempiterni
e l'incrollabile fede nella nostra onnipotenza.

E il potere gongola nella sua avidità e smania di ricchezze;
meglio la colorata piazza virtuale delle palpitanti piazze vere,
meglio migliaia di "vai a cacare" che un solo pugno nello stomaco.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Grazia Denaro il 17/09/2012 11:36
    E tutto ciò ci isola dal mondo vero, dai contatti interpersonali veritieri, dalla comunanza con altri esseri viventi in carne ed ossa che ci accomunino veramente e di cui possiamo sapere o raccontare le nostre storie guardandoci negli occhi. Mente rimaniamo attaccati ad un monitor che alla fine quando l'abbiamo spento ci rendiamo conto che non ci ha offerto quel calore che ogni essere umano cerca. Versi che portano il lettore a riflettere sui veri valori della vita. Lirica apprezzata!

3 commenti:

  • Anonimo il 17/09/2012 14:34
    Sono orgogliosa di non avere Facebook! Me ne vanto apertamente. È una canzone? Perché se è così, la voglia sentire via radio in futuro! Mi ricorda il sarcasmo di Guccini e la nostalgia di De André.
  • Matteo Iammarrone il 17/09/2012 11:42
    sacrosante verità !!
  • Vincenzo Capitanucci il 17/09/2012 11:26
    perdersi in Facebook... fra noie... disincanti e rabbie...

    Ottima Vincenzo... tra i preferiti e su Fb... lol..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0