PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quasimodo ed io

Già stato c'è
chi de lo suo tiempo
lamentato s'è;
l'homo trovando,
seppur sapiens,
in mano ancor la fionda,
migliorata in forma
de n'aggeggio
de foco
che a ripetizione sparava
e vittime mieteva;
lo suo grido disperato
ne lo vento
perso s'è;
ed io disgraziato
a lo cielo
lo medesimo lamento
alzo;
ne la speranza
non vana,
che le armi
cessino
de rumore fa
e la vita,
dono divino,
annientar.

 

0
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/09/2012 22:28
    UN BINOMIO INVIDIABILE...
    SUPREMI LI VERSI DI CHIUSA... È IL TUO STILE E LA TUA VOCE...
    IL MIO ELOGIO DON
  • franco buniotto il 17/09/2012 17:48
    ne la speranza non vana... Me lo auguro di cuore anch'io caro Don Pompeo. Assieme a te e Quasimodo. *****
  • Antonio Garganese il 17/09/2012 13:33
    Hai un cuore grande e vorresti che gli uomini smettessero di odiarsi. Ma l'umanità è destinata ad essere imperfetta, dominata dal denaro e dal falso orgoglio. Ti applaudo.

5 commenti:

  • salvo ragonesi il 22/09/2012 13:11
    bellissima poesia belle parole ma tutto sembra utopia. un saluto salvo
  • loretta margherita citarei il 17/09/2012 19:53
    concetto di fraternità che condivido, bravo don
  • Don Pompeo Mongiello il 17/09/2012 18:10
    Qui ci tengo ad intervenire, che oltre a noi tre, si uniscano tutti gli uomini e le donne di buona volontà. Il nostro Gesù ha subito tutte le umiliazioni possibili e fu messo in croce, per noi, ancora oggi è giudicato e condannato, ma noi cattolici non bruciamo le bandiere e non uccidiamo gli innocenti.
  • laura il 17/09/2012 14:43
    Sarebbe molto bello un mondo in cui regnasse la bontà, l'altruismo e il risptto! purtroppo ci saranno sempre persone che nel cuore fanno spazio solo alle cose materiali ed arrivano a fare del male pur di ottenere il successo e la gloria. Per quanto dolore possano provare le persone ricche nell'amima, non cambieranno le cos. Complimenti una poesia molto sentita e scritta con i sentimenti buoni e puri. Ciao
  • Grazia Denaro il 17/09/2012 14:30
    Purtroppo il mondo è avvelenato delle tante guerre, al solo pansarci viene la pelle d'oca nel constatare di quanto odio è intriso il mondo. Ci vorrebbe la mano divina per annientare tutto il male che ci sovrasta, versi apprezzati Don!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0