accedi   |   crea nuovo account

Cosa sarà

Chi sei? Da dove vieni?
Ti vedo e non ti vedo
come spettro la tua luce

nel buio della notte.

Ti sento e non ti sento,
la tua voce soave elettrica,
mi martella giorno e notte:

come sogno e incubo d'amore.

Chi sei? Da dove vieni?
Angelo e demone.

Ti vedo e non ti vedo
ma ti immagino,
nel mio sentir sincero

come angelo azzurro
e ti incontro.

Mi dai segnali d'amore e odio
per far si che ti conosca
o sia a te sconosciuta.

Ma ti vedo. Ti sento.

Nelle notti inquiete,
o di pace placide,
talvolta ti penso,

angelo e demone.

E chissà cosa sarà.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 19/09/2012 19:27
    Un'immagine indefinita che ci dà piacere e sgomento in egual misura. Acuta analisi sulla complessità dei sentimenti umani ma alla fine si deve scegliere altrimenti non si vive più. Ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2012 15:19
    UN PIACEVOLE INTRECCIO DI SENTIMENTI FANTASTICAMENTE PLASMATO...
    IL MIO PLAUSO RAFFAELE

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 19/09/2012 19:52
    bella poesia super bravo raf
  • Anna Raccardi il 19/09/2012 18:01
    Raffaele la tua poesia trasmette dei sentimenti profondi complimenti a te e alla persona con cui l'hai sritta buona serata
  • Raffaele Arena il 19/09/2012 17:38
    Questa poesia è stata da me scritta con una persona di gran cuore, cui mando un saluto rispettoso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0