accedi   |   crea nuovo account

Il dittamo

Forse rammenti quell'albo dittamo
fra querce e castagni in compagnia?
Umile e tremulo allor, donna mia,
udì il mio "t'amo!".

Tu lo cercavi sovente, mia cara,
fra bianchi i dirupi e verdi radure,
ed io attendevo le lievi frescure
d'estate avara.

Giunsi fra i monti e quel capo cercai,
come una volta, e di colpo piansi:
il fior ancor vivo, fra i ghiacci densi,
non lo trovai...

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0