PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ventottomila giorni

Spazzati via dal vento,
assolati, bagnati, asciugati,
scampati ad ogni evento;
assaporati, sofferti, fischiati,
vissuti, pianti, mai dissipati;
passati ad amare ed amati.
Ventottomila giorni,
stanchi contorni di ottanta;
questo mucchio d'anni miei
ch'a tutti i costi rivivrei.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 08/01/2013 07:24
    Solito bel poetare, che fa della poesia una vera arte.
  • Anonimo il 29/09/2012 22:20
    Un simpatico calcolo aritmetico che da un lato vuole indicare la quantità della vita vissuta e dall'altro l'aspetto qualitativo della stessa.
    Una qualità intesa non come benessere fisico ed economico, o forse anche questo, ma più verosimilmente come esperienza del vissuto umano.
    In quest'ottica è apprezzabile il concetto espresso da Ugo che non rinnega nulla della propria realtà in quanto ogni situazione è un tassello, proprio come un mosaico, il cui insieme dà il risultato attuale di quello che è l'uomo oggi.
    Ed è importante quanto affermato da Ugo perché, anche il negativo, viene rivalutato e non messo all'angolo con rimpianti, con pentimenti o con imprecazioni contro qualcuno o contro le situazioni che la propria stessa libertà ha creato, ma viene visto come elemento di crescita, direi quasi di salvezza, dell'essere stesso.
    Oggi sono, perché sono stato quello che sono stato, altrimenti oggi non sarei questo, ma un altro.
    Complimenti Ugo.
  • Anonimo il 21/09/2012 19:17
    Un poetico bilancio del proprio vissuto che ha lasciato certamente esperienze positive, nell'anima dell'autore. Davvero un bel calcolo matematico, elogiato in rima. Trascorri una serena notte e grazie per avermi letto.
  • Rocco Michele LETTINI il 20/09/2012 10:00
    Perfetto ragioniere del tempo tuo scorso...
    LUSINGHIERO VERSEGGIO... IL MIO ELOGIO UGO...
    SERENO GIORNO

13 commenti:

  • salvo ragonesi il 05/10/2012 10:12
    scampati ad ogni evento questo è stato importante questo corso di nostra vita sotto certi aspetti positivo e lo dimostra il fatto che ancora siamo qui a raccontarlo. bravissimo caro amico. un saluto salvo
  • Anonimo il 29/09/2012 22:34
    Ora tocca a me, anch'io come lei, caro Ugo, rifarei tutto quello che ho fatto... ma proprio tutto, sbagli compresi.
    Errori e scelte sbagliate, mi hanno portato a maturare e mi hanno insegnato a comprendere il senso della vita e a non giudicare il diverso da me.
    Scelte di coerenza mi sono costate moltissimo, ma non sono caduta nell'ipocrisia in cui ti vogliono costantemente relegare.
    Forse avrei dovuto chiedere scusa a qualcuno, ma lì per lì non ci si rende conto.
    Certamente, non ho rinfacciato mai nulla a nessuno, come molti fanno piangendosi addosso, anche se ho subito realmente dei torti.
    Caro Ugo, la sua poesia mi ha dato modo di riflettere e di esprimere ciò che sentivo, proprio come si parla ad un amico.
  • augusto villa il 27/09/2012 09:48
    Ottima... grande Ugo!... Essenziale... si legge in un fiato... Come in un fiato passano 28000 giorni...
    Un bel bilancio, belli e brutti momenti... Una ricchezza inestimabile d'esperienza.
    Grazie Ugo per questa tua... Servirà lungo il percorso della mia vita... Quindi me la piazzo fra i miei preferiti.
    ------------------
  • mauri huis il 25/09/2012 07:04
    Sembra fatta di niente sta poesia, e invece...
    invece è fatta di una vita intera, quasi.
    Bellissima.
  • Anonimo il 23/09/2012 09:15
    mi hai toccato l'anima con questa splendida lirica caro Ugo... non rinnegare mai nulla... essere sempre fieri ed andare sempre avanti... un bacio ed un abbraccio accompagnati sempre da tanta stima...
  • Anonimo il 20/09/2012 21:03
    tirare le somme del proprio tempo vissuto e scoprire che tra gioie e dolori il percorso è stato magnifico e non si cambierebbe nulla! Non vi è nulla di più bello che amare la vita e tutto ciò che ci ha donato! la tua poesia mette in luce questa tua serenità e felicità di tutto ciò che hai vissuto. Complimenti
  • loretta margherita citarei il 20/09/2012 19:58
    ma va là che sei un giovanotto! gradevolissima
  • stella luce il 20/09/2012 12:26
    un bilancio dei giorni vissuti... tutti da rivivere...
  • Teresa Tripodi il 20/09/2012 10:35
    una sola cosa Ugo, quando leggo i suoi versi, vorrei riuscire in qualche modo ad arrivare un giorno a provare le stesse sensazioni da lei descritte e cantate in maniera magistrale... complimenti
  • Anonimo il 20/09/2012 10:18
    Aggettivi incalzanti per giorni intensamente vissuti... quando si fa un consunto della propria vita e si dice convinti l'ultima frase il raccolto è stato abbondante, specialmente d'amore dato e avuto, cosa che io ritengo la più importante. Parlare di giorni invece che di anni è come sottolineare l'importanza di ogni attimo, bello e meno bello ma ricolmo di VITA.
  • Ellebi il 20/09/2012 10:07
    Bella poesia a celebrare la vita vissuta, così complessivamente positiva che l'autore rivivrebbe. Molto apprezzata, saluti.
  • Grazia Denaro il 20/09/2012 09:44
    Quando il bilancio della vita vissuta è soddisfacente, non si può essere che soddisfatti, complimenti per il tuo vissuto. Versi apprezzati!
  • franco buniotto il 20/09/2012 09:40
    Un bilancio positivo senz'altro. Bella ***** Franco

    "Di persone attempate dai 60 in sù ne vedo tante. Ma di vecchi non ne vedo" (F. B.)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0