PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rintocco di un orologio

Riprendi fiato.
Non lasciare che gli sbalzi dell'assenza
commuovino il tuo respiro.
Solchi tra le braccia dorate
a troppi uomini ho ceduto
e ad altri ho lasciato
l'anestesia di un sorriso lontano.
parole
decantate
come fiori sfuggenti,
le ho tenute
assaporate,
trattenendole nel seme dell'idealizzazione.
Chiara contraddizione!
Raccogli le tue armi,
(mi fu detto).
Così non mi perderò.
ma tra l'ombra e la luce
la differenza è labile.
io inutilmente mi trafiggo nel cercar di coglierla.
La sofferenza è il limite perduto,
l'arroganza, oggi, è la sveglia del lontano ormai.
CI siamo persi nel cercarci,
ci siamo aboliti nel volersi.

Oggi, riprendo fiato.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/09/2012 18:34
    CI siamo persi nel cercarci,
    ci siamo aboliti nel volersi.

    Oggi, riprendo fiato.
    RINTOCCHI DI VITA... ALTAMENTE SENTITI... CIAO LAURA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0