PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Subito

A quando un maestro del piacere...
Insegnami a godere di quel che sono,
quello che vivo, ciò che coltivo.

Famelico di sapere,
irrequieto langue, l'animo in fuga,
in uno stato di allerta, disagi promette.

Se solo il senso del dovere fosse il piacere altrui
ed il mio, di quanti orpelli a convogliar farei scherno,
dissacrante faziosità del non comprendersi.

 

5
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 21/09/2012 09:51
    Terzine di vita... in celanti aforismi...
    ORIGINALE VERSEGGIO... DILIGENTEMENTE CORREDATO...
    IL MIO ELOGIO... CIAO

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0