PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autunno nero

Guardo questi alberi cambiare colore
spogiarsi lentamente col passare delle ore,
alcuni son già nudi
braccia prive di scudi
rami semispezzati penzolano inermi,
mi ricordano nitidamente lunghi vermi,
scheletri di braccia e di colpo l'immagine muta
corpi e non legno ma resti di vita abbattuta,
persi i vestiti, brandelli di stoffa lacera
corpi nudi privi di vita vera,
brandelli di pelle pendono vuoti
non si rigano più di lacrime quei volti devoti,
quei vitrei occhi muti come specchi
riflettono senza voce suoni ed echi,
è il volto d'una guerra, la guerra tra vita e morte,
si vestiranno un giorno segurndo la loro sorte,
di nuovo quei rami sfideranno il tempo
ma la vita in quei corpi nudi non avrà scampo,
spogliati dell'anima, liberati d'ogni peso
forse non scorrerà più nemmeno sangue illeso.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 29/11/2013 13:40
    l'oscuro autunno, come avvolte sono i nostri pensieri

1 commenti:

  • Anonimo il 25/10/2012 17:59
    Una similitudine profonda tra la stagione autunno e la nostra vita. Pensieri significativi che mettono il dito sulla nostra realtà di uomini.
    Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0