PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

doppia identità

io sono la metà oscura che anima il cuore del mio corpo ospite
tutto ciò che in lei è marcio
tutto ciò per cui lei combatte
sono un angelo che si è macchiato
macchiato dal peccato capitale
un angelo senza ali che non potrà mai più volare
se non tra le braccia del proprio amato.

Persa nel labirinto della mia passione
mi sono addormentata su un comodo letto di rose
mi sono lasciata sopraffare dalle mie passionie
ho spento la ragione
per far posto a qualcosa di perditorio


Diaspro l'angelo macchiato

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Veronica Pappolla il 18/11/2010 15:05
    grazie! Ma ormai i tempi della mia dicotonia sono ormai (per fortuna) passati
  • salvo ragonesi il 17/11/2010 10:09
    il fine giustifica tutto goditi il tutto questo è il tempo. bei versi ciao.
  • Veronica Pappolla il 11/05/2008 11:52
    magari potrò dire di essere maturata quando riuscirò a d amalgamare queto dualismo e sopprattutto ad accaerlo... accettarmi per quello che sono =P
  • Anonimo il 10/05/2008 19:49
    Beata te che hai una doppia identità, almeno l'una nasconde l'altra... io invece mi ritrovo a combattere con 5 identità
    A parte gli scherzi siamo tutti come nella tua poesia è una cosa normale solo che nessuno vuole ammetterlo e tu invece lo hai fatto
  • Veronica Pappolla il 12/04/2008 18:28
    la mia dualità a volte è molto forte e nn riesco a domare la parte vhe in me odio d +
  • Claudio Amicucci il 06/09/2007 16:33
    Qualche tempo fa avevi paura di donarti. Ora ci sei riuscita: goditi l'amore, Veronica, con tutte le sue sfumature, anche quelle più passionali!. Ciao Claudio
  • Jean-Paul AMENTA il 21/07/2007 08:02
    Un très joli rêve. Brava. JP
  • Luigi Lucantoni il 14/07/2007 15:59
    Dobbiamo semplicemente conoscere noi stessi, alla fine smetteremo di rimproverarci il fatto di non essere ciò che volevamo essere, poichè ognuno è sempre ciò che è (al massimo ciò che può essere)
  • Anonimo il 14/07/2007 15:38
    In ognuno di noi c'è una dualità molto forte, l'importante è esserne consapevoli, ci si perdona più facilmente. Ciao Veronica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0