accedi   |   crea nuovo account

Mamma... dove andiamo?

Non lo nego
E ormai mi conoscete
... no mamma non ricominciare...
Devo uscire
Devo studiare
Devo cercare quella cosa che ho perso
Il tempo spesso...
Eppure nonostante la fatica
Le paure e il senso di inadeguatezza
per quella vita che non ci appartiene
Un dono che dall'alto ci è dato
La responsabilità
L'impegno per farvi stare in piedi da soli
Che è una vostra conquista
Di corsa verso ogni tappa
Senza impedirvi mai di volare
Amici i sogni e la libertà di dire e di fare
Nonostante l'orgoglio per quello che oggi siete
E la paura delle incertezze che si nascondono
Lungo quella strada
Potrete trovare la certezza di avermi ad ogni
Costo in ogni istante
Lo ammetto che quando vi vedo andare via
Spesso vi cerco e parlo con voi
Dentro quella fotografia
E mi mancano quei pomeriggi al parco a spingere
L'altalena
La bocca sporca di gelato
Un capriccio ed un bacio rubato
Mi manca quella manina che mi stringeva
Con fiducia il dito
Che mi guardava negli occhi
E mi chiedeva piano
Mamma... dove andiamo?

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/09/2012 16:10
    Nostalgia di un tempo... in un presente che ritrova lo stesso amore nel prodigarsi amorevolmente verso il proprio pargoletto... Luminosa nel suo aureo collage...
    IL MIO PLAUSO LAURA
  • Antonio Garganese il 24/09/2012 12:27
    Le responsabilità, dolce peso necessario, i bambini futuro di noi stessi ci aiutano ma chiedono aiuto, affetto e attenzioni. Un libretto di istruzioni non c'è, amiamoli senza condizioni, basterà.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0