PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Illusioni moribonde

Le sento morire dentro,
periscono ridendo.
Sognatore incallito,
consumatore di immmaginazione
fui un tempo.

ora ho smesso di sognare.
ho perso un pezzo di me.

smarrita felicita solubile-istantanea.
nessuna ricompensa, sorry.

Ora per essere felice
devo fare qualcosa davvero.

Oh oh...

Questo è un bel guaio davvero.

Per farmi smettere di sognare
di diventare calciatore
neanche una gamba mozzata,
un tempo sarebbe bastata.

Ora mi perdo dentro.

Realista o pessimista?

Penso sia la stessa identica cosa.

E questo si,
ch'è un bel guaio davvero.

P. s I believe in love

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 03/02/2010 17:32
    Questa è fantastica e maledettamente vera.. Great!!
  • Claudio Amicucci il 28/09/2007 00:53
    Originale Alessio, ma si fa ben leggere. Ciao Claudio
  • ELIO RIA il 14/07/2007 16:14
    illusioni che muoiono ridendo... hanno illuso senza conceder nulla. Versi originali, molto bello "consumatore di immaginazione" Bravo!
  • roberto mestrone il 14/07/2007 14:03
    Ok...
    Bene!
    Ro
  • Alessio Cogno il 14/07/2007 13:07
    devi naver frainteso il senso di quella quartina... volevo dire che la forza dei sogni, quando siamo bambini nn si ferma nemmeno di fronte alle difficolta piu grandi... la gamba mozzata e un esempio un po forte ma penso renda l'idea...
  • roberto mestrone il 14/07/2007 12:11
    Pensieri descritti con originalità.
    Trovo solo un po' acida la quartina: Meglio diventar calciatore!
    Bravocomunque.
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0