accedi   |   crea nuovo account

Cornice

Sei tu
o grande mare
che in me porti le giovani brezze
tu,
padre delle bianche maree
e delle folli burrasche

E sei tu,
o sole grandioso
che luce spandi
sui fiori e sulla pelle
tu,
con filtranti raggi
che infondi sorriso al cuore mio

E ancora tu,
notte,
signora dei supremi abissi
dolce aguzzina degli incubi,
tu che leggera trascini in me
brame e silenzi di stelle

Infine tu
padrona,
nella cornice della natura
divina e bellissima,
tu,
Donna,
meraviglia e compagna
delle mie solitudini
infinita amante
dei giorni più lunghi

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ellebi il 25/09/2012 00:27
    Mi va questa strana poesia di lode al mare al sole alla notte e alla donna, ma è la lode e la definizione della notte che mi aggrada di più. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0