PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Elisi ioni e tronca-menti

Un apostrofo
cadde
per caso
in un lago

trasformandosi in un argenteo ago

un mago
un po' matto
pago di anni
e
di sporchi affannosi panni

punto

dal desiderio
di rilucere

ed essere un pungente stimolo d'alba
per gli occhi fiochi della gente

mise in atto
il poter riprodurre questo fatto

unto
d'olio

spoglio
d'orgoglio

si gettò di proposito
nelle acque del lago

e anche lui diventò un magico ago

ricucendo foniche strofe d'Amore

versò
il diverso suo essere
in versi

cantò
l'incanto
in canti

immaginò
l'inimmaginabile
in surreali immagini

nei filanti filantropici occhi del suo immenso universale lago affogò il sale delle stupide spinose opinioni

spezzò la sua mente pezzo per pezzo nel mare tropicale dei silenzi

in un atomizzarsi inopinabile di sublimi ioni

imprevedibili nell'abilità di ricostruirsi nelle onde visibili di armoniosi indivisibili suoni

 

6
8 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 28/09/2012 12:24
    Questa voleva essere veramente una recensione!
  • Anonimo il 26/09/2012 08:07
    Bellissimo questo puzzle di parole magistralmente versificate... la trovo geniale ed unica...

    Meravigliosa Vincenzo... sei straordinario...
  • Rocco Michele LETTINI il 25/09/2012 09:59
    Lezione di grammatica d'incanto... mirabilmente esposta ne la dolcezza dei suoi versi...
    IL MIO
    VINCE'
  • Michele Giuliano il 25/09/2012 09:53
    Bello riuscire a giocare con le parole come fai tu mantenendo sempre e comunque una purezza di immagini.
    Apprezzo molto!!!

8 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 28/09/2012 12:24
    Un serto de lauro su lo tuo capo lo Magno cinge per questa tua straordinaria.
    p. s. piano piano ma in tutta confidenza non mi sento affatto magno, ma lasciatemi sfogare.
  • loretta margherita citarei il 25/09/2012 20:31
    solo applausi x te cap, sei unico
  • Anonimo il 25/09/2012 16:03
    preparato... magistrale lirica... sempre un piacere leggerti...
  • Anonimo il 25/09/2012 13:26
    Tra chimica, fisica, grammatica e sentimento, affoghiamo tutto il nostro tormento e godiamoci la serenità della verità.
    Pace e bene Vincé... sempre unico!
  • laura il 25/09/2012 10:38
    molto bella, originale. Amo il tuo modo di giocare con le parole, queste associazioni rendono lo scritto un capolavoro. Sei molto bravo complimenti!
  • rosanna gazzaniga il 25/09/2012 10:14
    Semplicemente ammirata dalla bravura senza limiti di questo splendido autore! La vedrei più nella satira che nell'amore eterno! Forse non ho afferrato bene il senso voluto?
  • karen tognini il 25/09/2012 09:29
    Bella.. particolare... geniale... e bravo Vincenzo!!!
    versò
    il diverso suo essere
    in versi

    cantò
    l'incanto
    in canti

    immaginò
    l'inimmaginabile
    in surreali immagini...

    un mago speciale...
  • Grazia Denaro il 25/09/2012 09:25
    Uno scioglilingua fantastico ad esaltare questo mago che non aveva le idee chiare, apprezzata Vincenzo, buona giornata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0