accedi   |   crea nuovo account

La nebbia

La nebbia non è
come la pioggia
ma rimane sospesa
impalpabile e grigia.
Ci nasconde e ci culla
in algida difesa
dal nulla disperato
di inutili chiacchere
e di promesse vane.
Quando il sole la dirada
ritorna la città:
Riemergono torrette
pinnacoli castelli
vetrosi e argentati
in trepide trasparenze.
I fiati riprendono voce
e ogni cuore ritrova
i familiari affanni.

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 28/09/2012 06:33
    Un modo di poetare veramente sublimo. Complimenti vivissimi!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/09/2012 10:17
    Oltre la nebbia... cotanta metafora...
    IL MIO PLAUSO FRANCO... CIAO

3 commenti:

  • mariateresa morry il 26/09/2012 23:43
    E sì, caro Franco, ci sono temi che ad affrontarli in poesia denudano tutta la nostra capacità lirica ed intimistica. Qua ci sei riuscito in pieno. Significante molto, poi, come descrivi il ritorno alla realtà celata, ma pur sempre esistita, nella luce! Ciao
  • Anonimo il 26/09/2012 21:46
    La nebbia come un qualcosa che ci protegge dal mondo esterno e impedisce di confonderci in esso!
  • Vincenzo Capitanucci il 26/09/2012 10:43
    La nebbia è una lacrima trattenuta negli occhi del tempo... offusca tutto... fino a diventar da quel impalpagile grigio un raggio di sole...

    Bellissima Franco... algida difesa di un nulla disperato..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0