PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La fame

Quanno le mani
ne le mie saccocce
infilo,
fori niente tiro;
ma lo core
che, batte ancora,
a me dice
con ardore:
- Avanti va',
poiché Dio
Compagno t'è!
E sennenno er profumo
de le pizze bone
der Sor Gigetto,
d'esso saziato ormai,
me addormento
a mo de angiolo
perfetto.

 

4
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/09/2012 17:47
    Darti torto non me la sento... dietro l'ironia e l'adorabile vernacolese tanta veritade...
    IL MIO ELOGIO DON
  • Michele Giuliano il 26/09/2012 13:01
    Vorrei proprio vederlo uno che hja fame e si addormenta sazio del profumo delle pizze del "Sor Gigetto".
    La fame è una gran brutta compagna e molto spesso non ti fa vedere neanche "Dio Compagno t'è".

3 commenti:

  • Teresa Tripodi il 26/09/2012 18:16
    si però la panza brontola bella Don
  • Anonimo il 26/09/2012 15:59
    con l'aiuto di Dio tutto si può... bella don...
  • Vincenzo Capitanucci il 26/09/2012 13:18
    Ardore Ardore... Avanti vo'.. a mo' di Angioletto perfetto...

    Bravo Don..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0