accedi   |   crea nuovo account

Chissà perché mi sono comprato due stivali ed anche un ombrello

-Penso
e ripenso

rimugino

a quello che Ti ho detto ieri in un attimo di caos mentale

stasera mangerò
da solo
un bel muggine bollito condito con l'ultimo goccio d'olio cefalico della mia lampara ad acetilene una polvere esplosiva fra un alito d'aglio fiocinante ed un verde "Prezzemolino" ammuffito dal troppo andare su e giù in veste di principale attore sulle montagne russe del congelatore con mezzo limone ormai rinsecchito dal voltastomaco sono dieci giorni che lo tengo in frigo vicino ad una lacrimante cipolla pensierosa -

Nessuno
di noi
è
un impermeabile

in continuazione
assorbiamo

bolle

-adesso spengo il gas il pesce è già stracotto e ho perso l'appetito mi è uscito di bocca in un ultimo guizzo-

bollette ed il tutt'altro resto fluttuante a nodo di sciarpa in un'aria sempre più fredda e rarefatta

in continuazione
traspiriamo

gocce
non sempre profumate dai migliori fiordalisi della nostra pelle

-chissà perché mi sono comprato due stivali ed anche un ombrello da stiva forse ero stanco di andare a pescare di giorno la notte degli animi umani-

quante persone danzano nella sala della nostra mente e quante sono sedute in un angolo in attesa che Le inviti a ballare nel vento con gentili parole d'anima

alla pioggia
lascia
se puoi
un ricordo volente di sole

un ponte d'arcobaleni volanti su cui possano evadere ridendo della loro più cupa tristezza

dietro
ad ogni frutto c'è il miracolo di un'ape e di un fiore

 

9
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 27/09/2012 10:05
    complimenti per la narrazione che ricorda uno stile francese di qualche decina d'anni fa, le immagini mi hanno fatto pensare un po' alla bretagna ma i versi sono metafore introspettive molto delicate
  • Rocco Michele LETTINI il 27/09/2012 07:38
    Forse perchè piove sul bagnato?
    L'originalità e l'acuta riflessione a forgia di un verseggio M_I_R_A_B_I_L_E

4 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2012 07:36
    Molto bella e particolare questa tua Vincè! Mi sembra di vederti... tra la cucina e i tuoi pensieri... che condivido appieno.

    Bravissimo come sempre Vincè!
  • Don Pompeo Mongiello il 28/09/2012 05:57
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria davvero!
  • Anonimo il 27/09/2012 16:09
    Vincé, mi fuma il cervello e se mi fuma mi s'accanna tutto. Però il miracolo della vita è qualcosa di meraviglioso che si ripete comunque e sempre, proprio come l'amore.
    Bravissimo Vincé!
  • karen tognini il 27/09/2012 07:20
    alla pioggia
    lascia
    se puoi
    un ricordo volente di sole
    ... Bellissimi versi...
    ma poi hai cenato ieri sera?...))))))))))...

    eh si' in molti aspettano gentili parole...
    dietro
    ad ogni frutto c'è il miracolo di un'ape e di un fiore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0