PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io remigino

De celo 'brattato
uno grembiule
indossavo,
con uno colletto
de blanco amitato
e uno fiocco
de rosso sanguigno,
uno cortile
de foglie giallastre
cosparso
attraversando,
ne la scola
pe' la prima volta
entravo,
e con me
uno nero quaderno
e 'na matita spuntita.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/09/2012 15:58
    QUANTA NOSTALGIA NEL TUO VERSEGGIO... SAON RITORNATO ANCH'IO AL MIO PRIMO GIORNO DI SCUOLA...
    TANTA EMOZIONE... IL MIO ELOGIO DON...

    :ciao
  • roberto caterina il 28/09/2012 11:27
    un tempo la scuola iniziava il 1 ottobre.. e i quaderni neri come i grembiuli.. un senso di una scuola sì povera, ma anche di tanto tempo fa..

1 commenti:

  • Anonimo il 28/09/2012 09:58
    Nulla mi colpisce e commuove più della sobrietà e semplicità d'espressione: quanta bellezza poetica in quelle parole "uno nero quaderno e 'na matita spuntita"! C'è -fotografato- tutto il disagio di un bimbo povero.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0